MM002 – Oracle 19c is out! Ecco le migliori 10 features

Pubblicato da Graziano Fracasso il

Create and adjust the config file for AutoUpgrade 19c

Oracle ha rilasciato la nuova versione del suo miglior database, scopriamo insieme le migliori features del nuovo prodotto:

1 – Stabilità

Don’t expect to see many new features in this release. Il team Oracle si è concentrato sulla stabilità del prodotto, il che è grandioso per avere vita facile negli ambiente di produzione.

2 – Indicizzazione Automatica

Questa nuova funzione automatizza la gestione degli indici, come creazione, rebuild e drop degli indici basati sui cambiamenti di carico dell’applicazione.

Dobbiamo ancora esplorare questa nuova feature, ma in teoria, Oracle dovrebbe praticamente prima creare degli indici come unusable e invisible (quindi come se fossero dei soli metadati), e fuori dal contesto applicativo, il database “chiederà” all’ ottimizzatore se questi indici potrebbero migliorare le query SQL. Se l’ottimizzatore deciderà che questo nuovo indice è più performante, esso diventerà visible, altrimenti rimarrà invisible.

Attraverso questo processo di “trial & error”, il database automaticamente creerà indici sempre più performanti, andando a droppare in automatico gli indici invisible diventati obsoleti e creandone di nuovi con ulteriori criteri per cercare quello più performante.

Queste logiche inoltre si possono customizzare.

3 – REST Enabled SQL Support

Attraverso APEX e Oracle REST Data Service, adesso si può eseguire qualsiasi query SQL direttamente attraverso gli endpoint REST ritornando un oggetto json che conterrà i metadata, dati (in modo paginato) della query.

Oracle è in pratica diventato il miglior amico degli sviluppatori di app, a nostro parere potrebbe rimpiazzare MongoDB in alcune situazioni.

4 – JSON JSON JSON!!

Dalla versione 12c Oracle ha iniziato a supportare nativamente i JSON attraverso le funzioni JSON_TABLE, JSON_VALUE etc.

In questa versione Oracle ha potenziato la capacità di elaborare JSON in maniera nativa:

  • Le viste materializzate possono contenere le funzioni JSON.
  • Nuove funzioni come JSON_SERIALIZE.
  • GeoJSON per gestire i dati geografici.
  • JSON to SQL Object mapping e viceversa (JSON-Object Mapping).

Tutte funzioni ancora da esplorare ed ottime per il mercato delle MobileApp e WebApp.

5 – Real-time Stats + Stats Only Queries

Si potranno abilitare le statistiche real-time (quindi aggiornamento ad ogni modifica delle DBMS_STAT) per alcuni oggetti e inoltre si potranno interrogare le statistiche dell’oggetto, non solo le singole logical read.

6 – Schema-Only Oracle Accounts

Da questa versione Oracle ha creato utenti che siano Schema-Only. Conterranno solo dati o metadati e non potranno essere utilizzati per connettersi al database.

7 – Partitioned Hybrid Tables

Attraverso questa nuova features si potranno avere delle tabelle che possono essere di differenti tipi o sorgenti (ad esempio una partizione è una external table e un’altra è una tabella tradizionale).

8 – APEX Social Sign-In Authentication

Ci si potrà autenticare nelle applicazioni APEX mediante Google, Facebook e altri social network che supportano lo standard OpenIDConnect e OAuth2.

9 – COUNT(DISTINCT) e GROUP BY Performance

Sono stati aggiunti nuovi operatori bitvector SQL che possono essere usati per velocizzare le performance delle operazioni COUNT DISTINCT e GROUP BY.

10 – AutoUpgrade for Oracle Database

Si potrà effettuare l’upgrade di una o più istanze Oracle Database lanciando un singolo comando da shell e una singolo file di configurazione.

L’ AutoUpgrade farà girare i task di preupgrade, lancerà fix automatici se necessario, lancerà l’upgrade e completerà con i task di post-upgrade. Include automatici retry e fallback.

Se vi siete persi le feature del database 18c, stay tuned, a breve arriverà un articolo simile e guide di installazione. Seguiteci!

Per ulteriori informazioni: https://docs.oracle.com/en/database/oracle/oracle-database/19/newft/new-features.html


Lascia un commento